La preparazione di uno sportivo è oggi sviluppata senza lasciare nulla al caso

Periodi di carico e scarico, potenziamento, palestra, senso della squadra e perfino coaching motivazionale sono sempre più spesso meticolosamente seguiti.
Gli aspetti alimentari, invece, sono frequentemente lasciati per ultimi, come se non contassero nulla.
Questo corso vi convincerà del contrario: di quanto possa modificare la prestazione un’attenta gestione del cibo. Si studieranno gli equilibri ormonali in grado di influenzare la prestazione stessa (tiroide, surrene) e soprattutto l’influenza sull’asse ipotalamo/ipofisi/muscolo di una corretta alimentazione. Si analizzerà la composizione corporea dell’atleta e si studierà come correggerla, modificando quantità e qualità degli alimenti. Non mancherà un cenno sulla migliore integrazione sotto sforzo e sui farmaci da evitare. Senza allenamento e motivazione nessun cibo può fare miracoli, ma è certo che atleti molto allenati possono guastare tutto in assenza di una corretta pianificazione alimentare.

L'articolo di Giacomo Cofano e Paolo Traficante analizza il carico esterno negli SSG con giocatori sponda. Anche se la metodologia di allenamento nel calcio ha subìto notevoli modificazioni negli ultimi anni, esiste tuttavia ancora la tendenza a utilizzare in modo prevalente esercitazioni specifiche rispetto a quelle di carattere generale. Per tale motivo è cresciuto in maniera sostanziale l'utilizzo di proposte con palla, meglio conosciute come Small-Sided Games (SSG).

Abstract: Gli small-sided games sono esercitazioni molto utilizzate perché permettono di allenare contemporaneamente gli aspetti tecnico-tattici e quelli fisici. La letteratura scientifica, negli ultimi anni, si è preoccupata di analizzare il carico esterno, mediante strumentazioni GPS, in diversi formati di SSG con differenti modalità esecutive. L'introduzione sistematica di esercitazioni di SSG con l'uso delle "sponde" ha portato diversi Autori ad iniziare ad investigare il carico espresso da tali esercitazioni utilizzando, però, un numero di giocatori "sponda" ridotto. Tale studio si propone di identificare e  quantificare il carico esterno imposto da tali esercitazioni su tre formati di SSG utilizzando un numero di "sponde" che permette un ampio e quasi completo utilizzo dei giocatori che compongono una squadra di calcio sia professionista che dilettantistica.

L'esercizio fisico è un importante strumento di prevenzione per diverse patologie. Questo è il tema dell'articolo di Lorenzo Galvani pubblicato sull'attuale numero di Scienza&Sport. Infatti, sempre più studi dimostrano che vi sia una influenza reciproca tra il sistema gastrointestinale e l'attività fisica svolta.

Abstract: L’esercizio fisico può influenzare il complesso network di comunicazione che esiste fra intestino e cervello. Se l’attività è troppo intensa, attraverso l’attivazione delle vie canoniche dello stress, altera la fisiologia intestinale, inducendo alterazioni funzionali e, di conseguenza, sintomi talvolta severi. Conoscere i meccanismi che portano a questi sintomi, permette al professionista di attuare strategie adeguate al loro contrasto migliorando, in tal modo, prestazione e salute dell’atleta.

Ad agosto si svolgeranno a Berlino i Campionati Europei di Atletica Leggera. Giorgio Rondelli, nel suo articolo "Road to Berlin", pronostica che questi campionati potrebbero essere finalmente quelli della svolta in positivo per l'atletica italiana. La squadra azzurra ha diversi atleti che possono ambire a una medaglia o comunque a un piazzamento importante.

Leggi l'abstract: Cosa potrebbe accadere alla rassegna continentale in programma a Berlino dal 6 al 12 agosto? Qual'è la situazione del nostro movimento? Un profilo dei "possibili medagliati" nelle varie discipline, la nascita del "fenomeno" Filippo Tortu, che ha da poco abbassato il limite italiano sui 100 metri di Mennea, e la speranza Gianmarco Tamberi.

 

L'articolo di Agostino Tibaudi, uscito sul nuovo numero di luglio, illustra come pianificare la stagione calcistica, argomento di grande attualità in questo periodo e di impatto notevole sulle capacità prestative dei giocatori. 

Leggi l'abstract:

Molto spesso, anche nello sport di alto livello si “naviga a vista”, senza un programma di preparazione preciso e completo. Un simile modo di agire può in qualche caso sortire risultati positivi, ma è provato che essi sarebbero migliori se questi tipo di programmazione “agile” fosse inserita all’interno di un piano più strutturato e complessivo. In una disciplina sportiva quale il calcio esistono alcune condizioni che delimitano in qualche modo le possibilità di intervento. La durata della stagione agonistica molto lunga rispetto al periodo di preparazione, l’elevato numero di partite al suo interno, la presenza di numerose settimane con tre gare ravvicinate sono elementi che presentano delle complessità da gestire in fase di programmazione. Considerando queste necessità è presentato un modello di periodizzazione dell’intera stagione, attraverso il quale riteniamo sia possibile migliorare le capacità prestative in modo razionale, combinando con una successione logica i periodi che vanno dalla preparazione pre-campionato fino al termine della stagione.

In uscita in questi giorni il numero estivo di Scienza&Sport. Un numero che dedica copertina, editoriale e due articoli all'atletica leggera, disciplina sportiva che si dà appuntamento a Berlino, dal 7 al 12 agosto per i Campionati Europei outdoor. In copertina Filippo Tortu, il giovane sprinter che ha appena battuto il record italiano sui 100 metri appartenuto per 39 anni a Pietro Mennea. Luciano Gigliotti, "allenatore d'oro" in maratona con Gelindo Bordin nel 1988 e Stefano Baldini nel 2004, scrive l'editoriale tecnico incentrando l'attenzione sulla maratona. Giorgio Rondelli, invece, nel suo articolo "Road to Berlin" punta l'attenzione sulla spedizione italiana analizzando le chances dei nostri atleti.

Ma non solo di atletica si parla in questo numero: tra i vari articoli che si occupano di calcio, sicuramente da non perdere il contributo di Agostino Tibaudi che illustra come programmare la stagione, tema di grande attualità in questo periodo. Molto interessanti anche gli articoli di Matteo Zago e collaboratori sulla storia della preparazione atletica e di Ermanno Rampinini che analizza un testo sulla relazione tra incidenza degli infortuni e allenamenti preventivi nel calcio. Domenico Gaudio ci parla dell'allenamento fisico dei senior con problemi di osteoporosi mentre Lorenzo Galvani si occupa dell'asse cervello-intestino nello sportivo. 

Scienza&Sport ha il piacere di comunicare i vincitori di questa 8a edizione del Premio Icaro Enrico Arcelli:  

1° CLASSIFICATO:  GIULIO PEDDIS,  titolo della testi “EFFETTO DELLA STIMOLAZIONE CON CAMPI ELETTROMAGNETICI PULSATI (PEMFs) SULL’ ATTIVITA’ MUSCOLARE IN CICLISTI ESPERTI ” , Università di Bologna

2°   CLASSIFICATO:  MARCO DUCA, titolo della tesi “ CONFRONTO DEI PARAMETRI PRESTATIVI DI SPRINT CON DIFFERENTI SOVRACCARICHI IN ATLETI U16 ”,  Università di Milano

3°  CLASSIFICATO:  FILIPPO BERTOZZI,  titolo della tesi “INFLUENZA DELLA FATICA SUI FATTORI DI RISCHIO DEGLI INFORTUNI DA NON CONTATTO DURANTE I CAMBI DI DIREZIONE”,  Università Cattolica Milano

Un grazie particolare ai membri della commissione di valutazione per il loro impegno e la sempre appassionata disponiblità.

Congratulazioni ai 3 vincitori e grazie a tutti gli altri neolaureati che hanno voluto partecipare al Premio Icaro Enrico Arcelli 2018.

Appuntamento a Coverciano: torna il nostro Master Il Nuovo Calcio, l’unico incontro di aggiornamento in Italia in cui da 20 anni è possibile ascoltare in aula e vedere sul campo più allenatori professionisti di prime squadre e settore giovanile di club di serie A e B.

 

Master di Settore Giovanile  

"Metodologie italiane e straniere per allenare dai Piccoli Amici agli Allievi" 

23-24 giugno 2018

 

Master Prime squadre

"Allenatore 2.0: Principi e organizzazione di gioco"

30 giugno-1 luglio 2018

 

Tutte le informazioni su programmi e relatori e il modulo per iscriversi su https://www.ilnuovocalcio.it/.

 

Convegno: La fatica nel calcio

News

Tutto quello che è stato trattato al Terzo Convegno di Scienza&Sport, che ha visto come relatori figure di spicco del calcio italiano e non solo. L’argomento? La fatica e le strategie ideali per il recupero.

In Collaborazione